Matera: Capitale Europea della Cultura nel 2019

Matera: Capitale Europea della Cultura nel 2019

By / Viaggi e Mete / Monday, 14 January 2019 06:00

E’ iniziato il 2019, l’anno di Matera, che prende il titolo di “Capitale Europea della Cultura”; diamo quindi uno sguardo agli eventi che ci aspettano in questo anno.

La cerimonia inaugurale ufficiale si svolgerà il 19 gennaio che consacrerà Matera come Capitale Europea della Cultura.

Il tema scelto per quest’anno è “Open the Future”; Matera rappresenterà per un anno intero tutta la Basilicata. Il giorno dell’inaugurazione, infatti, arriveranno in città le bande di 131 Comuni della regione. Ci saranno bande marcianti in tutte le zone della città, Spine Bianche, Serra Venerdì, La Martella, Serra Rifusa. E all’ora del tramonto, tutti convergeranno verso i Sassi, finché ogni vicolo del Sasso Barisano e Sasso Caveoso non sarà saturo di note. L’evento sarà trasmesso in diretta Tv su Rai1. E il giorno seguente all’inaugurazione, il 20 gennaio, ogni banda lucana ospiterà nel proprio Comune una straniera con cui animare insieme il centro del paese, con un concerto di piazza.

Le strade di Matera saranno illuminate ogni sabato dal progetto Social Light che, riprendendo la tradizione delle luminarie, illumina 15 punti della città.

Un itinerario all’aperto tracciato da 200 opere di Salvador Dalí arricchirà piazze e vicoli. Le opere più piccole saranno ospitate all’interno del complesso rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci.

Si potranno scoprire angoli inediti di Matera con il progetto Padiglioni Invisibili e la rifunzionalizzazione di alcuni spazi ipogei nel cuore dei Rioni Sassi, con una serie di eventi e mostre che contribuiscono alla dinamizzazione degli stessi ambienti ipogei, recuperati e restituititi alla pubblica fruizione.

Ci sarà spazio anche per la gastronomia con Breadway, un festival di food e design atteso per giungo e che ripercorre la filiera che conduce alla preparazione del pane. Ogni giorno il quartiere Piccianello si animerà con performance artistiche, spettacoli, stazioni narrative, installazioni, workshop e laboratori per cittadini e visitatori.

La mostra più importante da visitare sarà “Ars Excavandi” ospitata nel Museo Archeologico Nazionale fino al 31 luglio che riguarda l’arte ipogea, dal primo uso di cavità naturali con le incisioni sulla roccia alla realizzazione di grotte, abitazioni, monumenti, canali, città e paesaggi.

Non mancheranno concerti nei teatri e all’aperto, letture e rappresentazioni artistiche live aperte a tutti e per tutto il 2019.

Tags

Author

IlMaestrale.net

IlMaestrale.net

Leave a comment

ciao

Please publish modules in offcanvas position.